Museo della Battaglia di Solferino Rocca e Ossario

Visita il Museo della Battaglia di Solferino Rocca e Ossario - Mantova
Visita il Complesso Monumentale di San Martino della Battaglia - Brescia
Complesso Monumentale di San Martino della Battaglia
9 Settembre 2015
Scopri i tesori ambientali ed artistici del Parco del Delta del Po con Po Delta Tourism - Ferrara
Po Delta Tourism
12 Settembre 2015
Torna indietro

Museo della Battaglia di Solferino Rocca e Ossario

Visita il Museo della Battaglia di Solferino Rocca e Ossario - Mantova

DOVE È NATA L’IDEA DELLA CROCE ROSSA

A Solferino il 24 giugno 1859 combatterono i Francesi con l’Imperatore Napoleone III contro l’esercito austriaco guidato da Francesco Giuseppe.Questo evento, particolarmente cruento, ispirò al ginevrino Henry Dunant l’idea della Croce Rossa qui ricordata nel Memoriale eretto nel 1959.

 

Il Museo

Il Museo di Solferino raccoglie materiali che illustrano la storia d’Italia dal 1797 al 1870, pur riservando naturalmente un particolare spazio alla grande battaglia. Anche qui, vicino alla “grande storia”, rappresentata dai cannoni, dalle uniformi, dai ritratti e dalle armi, il visitatore può trovare la “piccola storia” dei soldati, raccontata grazie ad oggetti comuni, come i libretti militari rinvenuti sui caduti o le marionette fatte a mano dagli stessi soldati. Particolare impressione desta la sgargiante divisa da zuavo.

Nel prato del Museo spicca la statua dedicata ad Henry Dunant, autore del libro “Un Souvenir de Solferino” che raccolse l’esperienza delle cure ai feriti all’indomani della battaglia e l’auspicio dell’istituzione di un organismo neutrale di soccorso, poi divenuto Croce Rossa.

 

L’Ossario

Dal Museo un viale alberato di cipressi conduce all’Ossario: le ossa riesumate da squadre di contadini dieci anni dopo la battaglia furono trasportate nella chiesa di San Pietro in Vincoli, dove sono esposti, come ammonimento contro gli orrori della guerra, i resti di quasi settemila soldati, francesi e austriaci insieme.

 

La Rocca

La “Spia d’Italia” è una torre di 23 metri risalente al 1022 eretta in cima al colle che vide le azioni più cruente durante la battaglia. Anche qui, oltre ai cimeli dell’epoca, viene offerta al visitatore giunto sulla terrazza una vista panoramica che consente di scorgere addirittura l’Appennino. Dai piedi della Rocca un viale di cipressi porta al Memoriale della Croce Rossa.

 

Attività organizzate:

Il Museo organizza, su prenotazione, passeggiate attraverso i luoghi della battaglia con visite guidate ed intervento di rievocatori in divisa ed armi d’epoca; disponibili con Smartphone approfondimenti e percorsi in QrCode e realtà aumentata.

 

Il Risorgimento nello Zaino

Sarà uno zaino davvero fuori dall’ordinario quello che una guida della Società Solferino e San Martino ed un rievocatore storico mostreranno agli studenti in classe. Cosa troveranno dentro lo zaino i ragazzi?

Oggetti legati alla battaglia ed al Risorgimento: una camicia rossa garibaldina, il copricapo piumato di un bersagliere, dei bottoni e dei proiettili, addirittura una palla di cannone! Prodotti della cultura materiale dell’epoca e testimonianze concrete dell’epopea risorgimentale. Potranno così esplorare direttamente nelle loro classi la Storia d’Italia: in pratica sarà il Museo ad entrare nelle aule scolastiche, preparando i ragazzi per la successiva visita ai siti museali di Solferino e San Martino.
http://www.solferinoesanmartino.it/images/pdfs/it/il_risorgimento_nello_zaino.pdf

 

I laboratori didattici:

Progetto 1 – La forza degli ideali
Progetto 2 – Parole e Musiche nei luoghi della battaglia
Progetto 3 – Armi e Insegne militari nei luoghi della battaglia
Progetto 6 – Quattro passi nella storia
Il Risorgimento nello zaino

 

Video

LA BATTAGLIA DI SOLFERINO E SAN MARTINO
LA PIETA’ VERSO I CADUTI
L’IDEA DELLA CROCE ROSSA
IL RACCONTO DI UN TESTIMONE
LA RIEVOCAZIONE STORICA
LA MEMORIA DELLA BATTAGLIA VISTA DA PHILIPPE DAVERIO
WEB CAM

 

Schede correlate

  • Complesso Monumentale di San Martino della BattagliaDOVE È NATA L'ITALIA Qui il 24 giugno 1859 si scontrarono l'esercito sardo piemontese, guidato da Vittorio Emanuele II e l'ala destra dell'armata austriaca, condotta dal generale Von Benedeck, in una battaglia decisiva, grazie alla quale due anni più tardi sarebbe nata l'Italia.   La Torre Sul Roccolo, teatro di…

RICHIEDI INFORMAZIONI

(tutti i campi sono obbligatori)