Gita scolastica in Friuli Venezia Giulia
Organizza la tua gita scolastica in Piemonte con Mediares
Mediares
24 Ottobre 2020
Organizza la tua gita scolastica in chiave sportiva-turistica con Sportland - Friuli Venezia Giulia
Sportland per le scuole
3 Novembre 2020
Torna Indietro

Turismo Friuli Venezia Giulia

Gita scolastica in Friuli Venezia Giulia

Terra di celti, romani, longobardi, veneziani, Asburgo: il Friuli Venezia Giulia è uno scrigno di tesori d’arte. Ma anche di tesori naturali.

FVG TERRA DI BIODIVERSITÀ

Quello che potete trovare nella nostra Regione:

  • 2 Parchi Naturali Regionali
    Parco Naturale delle Dolomiti
    Friulane Parco delle Prealpi Giulie
  • 3 Aree Naturali Protette Statali
    Area Marina Protetta di Miramare
    Riserva Naturale Monte Cucco
    Riserva Naturale Rio Bianco
  • 13 Riserve Naturali Regionali
  • Foresta di Tarvisio: la più grande foresta demaniale d’Italia 24.000 ettari
  • 70 Siti Natura 2000
  • 37 Biotopi Naturali
  • 64 Prati Stabili Naturali

CAMMINI FVG

Camminare insieme per restare uniti, per raggiungere una meta comune o semplicemente per il piacere di farlo. Riscoprire un territorio ricco, farsi sorprendere dal suo patrimonio culturale, ambientale ed umano. A piedi, a cavallo o in bici, con lentezza ed in maniera sostenibile.

Per le scuole proposte di cammino adatte a tutte le età, di mezza giornata o giornata intera, con tematiche concordate seguendo i programmi scolastici.

UN GRANDE MUSEO ALL’APERTO DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

Sull’altopiano carsico italiani ed austro-ungarici dettero vita a dodici battaglie tra il 1915 ed il 1917 in cui centinaia di migliaia di uomini persero la vita o la libertà tra le trincee scavate nella nuda roccia carsica o tra i pendii delle Prealpi Giulie. Meno noti ma comunque drammatici furono anche i diversi combattimenti ad alta quota tra le cime delle Alpi Giulie ed Alpi Carniche e durante la ritirata in seguito alla disfatta di Caporetto. Luoghi come i monti Ermada, San Michele, Calvario e Sabotino furono presto noti per queste tristi vicende. Gorizia, austro-ungarica prima della guerra, divenne un simbolo per l’opinione pubblica, specialmente quando divenne italiana nell’agosto del 1916.

Udine invece venne definita “la capitale della guerra” essendo la città più vicina al fronte. Tutte queste vicende si possono oggi riscoprire grazie ai musei all’aperto e agli itinerari della Grande Guerra, emozionanti passeggiate in mezzo a paesaggi naturali mozzafiato dove si possono rivivere le esperienze e la vita dei soldati.

Come quasi un secolo fa, si può camminare lungo le trincee, ammirare le costruzioni militari e visitare i luoghi delle battaglie. Un viaggio affascinante nel passato che non si ferma qui, ma che continua con la visita agli innumerevoli monumenti, sacrari, ossari e cimiteri di guerra dedicati alle vittime di questo gigantesco conflitto. Diverse città e paesi ospitano inoltre interessanti musei, spesso dedicati alla Grande Guerra ed il loro territorio, e forti militari nati per la difesa dei confini all’inizio del XX secolo.

 

Schede correlate

  • Sportland per le scuoleSportland è un progetto che coinvolge 15 comuni dell’area Pedemontana e dell’alto Friuli e che ha come obiettivo la valorizzazione e promozione del territorio in chiave sportiva-turistica. Il territorio di Sportland offre un mix tra sport, cultura, e attività ludiche in uno scenario naturale all’interno del quale posso essere praticate…

RICHIEDI INFORMAZIONI

(Tutti i campi sono obbligatori)